#VitaOVeleno

Iniziativa "Per una Svizzera senza pesticidi sintetici"

Sono state raccolte più di 120’000 firme e il popolo svizzero voterà sul tema nel

2020

Unitevi a noi per dire sì alla vita, no ai veleni.

L'iniziativa per una Svizzera senza pesticidi sintetici intende liberare l'economia e l'agricoltura dalla dipendenza dall'uso di sostanze tossiche per la biodiversità e la salute umana. Questo cambiamento di paradigma si farà insieme a voi.

Volontariato

Le nostre priorità

La salute

I pesticidi sintetici sono veleni. Il loro impatto sulla salute umana è accertato per molti di essi. Onde evitare di privilegiare una politica della sostituzione vietando sostanza per sostanza, come avviene oggi, o fissando i limiti massimi dei residui, la cosa migliore per la salute è farne a meno. C'è tutto un arsenale di norme che potrebbe inoltre essere semplificato smettendo di esporre la popolazione ai veleni.

La salute

La biodiversità

L'ambiente, flora e fauna, soffre molto a causa dell'utilizzo dei pesticidi sintetici. Scomparsa drammatica degli insetti, inquinamento dei corsi d'acqua e delle foreste, pesci colpiti in massa dai cambiamenti di sesso, intere colonie di api che muoiono… Gli esempi scientificamente dimostrati abbondano. L'iniziativa permetterà di porre fine a queste esposizioni massicce e favorirà la biodiversità.

La biodiversità

L'agricoltura

Gli agricoltori non sono le vittime dell'iniziativa. Sono partner di questo cambiamento di paradigma. Avranno dieci anni per passare a nuovi modi di produzione più sicuri che permettano loro di liberarsi dalla dipendenza dai pesticidi sintetici. Grazie a essi, sarà tutta la popolazione e non solo i più agiati ad avere accesso a un'alimentazione sana e alla portata di tutti.

L'agricoltura

Il clima

L'agricoltura ha un ruolo importante da svolgere nell'attenuazione dei cambiamenti climatici: i campi possono immagazzinare grandi quantità di anidride carbonica grazie a tecniche di conservazione dei suoli, trasformandosi in un grosso aspirapolvere del CO2 presente nell'atmosfera. Numerosi suoli sono attualmente poveri di carbonio perché le pratiche agricole intensive esauriscono le risorse di materie organiche e non lasciano al suolo il tempo di rigenerarsi grazie a periodi di maggese. La perdita di materia organica è oggi compensata dai fertilizzanti di sintesi e dai concimi naturali.

Il clima

L'economia

Grazie all'iniziativa, sarà possibile liberarsi dalla dipendenza dai pesticidi sintetici. È previsto un periodo di transizione di dieci anni affinché la ricerca e tutti i settori dell'economia possano adeguarsi, innovare e investire in maniera sostenibile. Liberarsi dall'industria agrochimica rappresenta un'occasione per orientare in modo diverso gli investimenti per l'agricoltura e la ricerca.

L'economia

Sostegno Il 100% delle donazioni sarà destinato alla campagna.

Caricamento in corso...

Questo sito utilizza cookie per garantire il proprio corretto funzionamento. Proseguendo la navigazione accettate la nostra politica dei dati.